MUSEO VIRTUALE ASTRATTISMO E ARCHITETTURA RAZIONALISTA COMO

CASA AD APPARTAMENTI RUSTICI-COMOLLI

Giuseppe Terragni (con Lingeri)

Opera

Il progetto per la Casa ad appartamenti Rustici – Comolli è un progetto pressoché sconosciuto del gruppo Terragni – Lingeri e l’ ultimo del periodo di sperimentazione milanese; l’edificio è stato realizzato sempre per il committente di Casa Rustici, con l’intento di essere una casa meno lussuosa della precedente (Ciucci, Triennale di Milano, Centro studi G. Terragni, 467) su un lotto di proprietà, liberato dalla demolizione di un precedente fabbricato. Due sono le soluzione che vengono presentate: la prima, di entrambi gli architetti appare brillante e articolata rispetto alla seconda versione del solo di Lingeri.
Il volume dell’edificio a “L”, inserito in un lotto di lati di differente misura (da una parte affaccia sulla stretta via Cola da Montano e dall’altra sull’arteria prospiciente lo scalo, via Pepe), viene spezzato in due volumi, secondo la metodologia applicata anche negli altri progetti milanesi precedenti: una parte regolamentare di 10 metri, più arretrata che affaccia su via Cola da Montano, e una parte, alta 27 metri che come una lastra si affaccia allo scalo ferroviario di Porta Garibaldi (Zevi, 96; Marcianò, 129).
Per Daniele Vitale, così come riportato nella pubblicazione di Ciucci, ” ‘tutto l’impianto è subordinato all’obiettivo di ottenere una cubatura elevata, sfruttando al limite le possibilità garantite dai terreno. Così il distacco tra i corpi verso via Pepe e verso via Cola da Montano non è reale ma apparente […] il corpo di fabbrica continua dietro balconi-passerella, sottoposto a un insieme di avanzamenti e arretramenti la cui funzione prima è quella di accrescere a tratti la profondità di fabbrica e dunque la cubatura’ (Vitale 1985). In questo senso il processo tipologico non è discosto dall’abituale metodo compositivo delle altre case, solo che, diversamente da quelle, in questa situazione l’accostamento delle due unità non produce tensione e neanche si rivolge alla costruzione di un angolo di cerniera, ma solo si risolve in una dichiarata giustapposizione” (Ciucci, Triennale di Milano, Centro studi G. Terragni, 468).
La costruzione delle passerelle in Casa Rustici di Corso Sempione viene ripresa sulla parte arretrata che in alcuni casi fungono da parapetti (Zevi, 96); qui vediamo scomparire i marmi, i serramenti di vaste dimensioni, gli alloggi signorili, la villa con l’attico in copertura proprio per la sua funzione di edificio ad alta densità (Marcianò, 129).
L’edificio, pensato come macchina ad alta densità abitativa, presenta al piano terra e al piano seminterrato uffici, magazzini, laboratori artigianali e negozi, mentre ai piani superiori sono dislocati sette appartamenti per piano, serviti da due impianti di risalita (Ciucci, Triennale di Milano, Centro studi G. Terragni, 468).

Scritto redatto sulla base di:

BAGLIONE, C., SUSANI, E. (a cura di), Pietro Lingeri 1894-1968, con scritti di Avon Annalisa et. al., Milano: Electa, 2004
CIUCCI, Giorgio (a cura di), Giuseppe Terragni: opera completa, (con Triennale di Milano, Centro studi G. Terragni, Centro internazionale di studi di architettura Andrea Palladio), Milano: Electa, 1996
FOSSO, Mario, MANTERO, Enrico, Giuseppe Terragni 1904-1943, Como: Cesare Nani, 1982
MARCIANÒ, Ada Francesca, Giuseppe Terragni opera completa 1925-1943, Roma: Officina, 1987
ZEVI, Bruno (a cura di), Giuseppe Terragni, Bologna: Zanichelli, 1980
Pietro Lingeri, 1894-1968: la figura e l’opera: atti della Giornata di studio: Triennale di Milano, lunedì 28 novembre 1994, Milano: Arti grafiche G.M.C., 2005

Gallery

SOSTIENI MAARC

Sostieni i progetti di MADE in MAARC che promuovono, in Italia e all’estero, l’immagine di Como come una delle più importanti capitali dell’architettura moderna.
MADE in MAARC realizza le proprie iniziative grazie al lavoro volontario di soci e amici, e ai contributi e donazioni di chi ne condivide gli obiettivi.
Le donazioni sono essenziali per tutte le attività di promozione, anche a livello internazionale, del patrimonio d’arte astratta e architettura razionalista del territorio comasco MADE in MAARC ha bisogno del tuo aiuto, fai una donazione ora!
Prendi in considerazione anche l’opzione di contribuire mensilmente: aiuterai a sostenere il lavoro di MADE in MAARC per tutto l’anno.

Bonifico Bancario intestato a Associazione culturale MADE in MAARC
22100 Como – Viale Rosselli, 12
C.F.: 03463750137
Iban: IT03 K084 3010 9000 00000 262602
Cassa Rurale e Artigiana di Cantù
Filiale di Como, piazza Grimoldi, 8