MUSEO VIRTUALE ASTRATTISMO E ARCHITETTURA RAZIONALISTA COMO

PROGETTO PER UNA AEROSTAZIONE

Giuseppe Terragni

Opera

Il progetto per un piccolo aeroporto a Como, redatto probabilmente tra il 1935 e il 1936, rappresenta una scrittura di rapidissime intuizioni architettoniche, di cui non si hanno notizie se non nel Catalogo provvisorio redatto da Attilio Terragni negli anni Cinquanta.
Il progetto venne concepito come ampliamento ad uso civile dell’hangar per idrovolanti, realizzato dall’ingegner Ponci, allora usato solo a scopi militari (Ciucci, Triennale di Milano, Centro studi G. Terragni, 452).
Dagli schizzi emerge una “struttura indipendente dalle cavità involucrate da duttili pellicole, che non si esaurisce in cifre emblematiche o tout court figurative, né tantomeno in cornici descrittive dell’erosione di un solido, bensì come affrancamento centrifugo di proporzioni compositive tese a recuperare lo spazio al di là del volume”; come in altri progetti Terragni “è proiettato a conquistare spazialità organiche, capaci di plasmare dall’interno, per incastri, interpenetrazioni ed aggetti, la nitida, flessibile stereometria” (Marcianò, 154).
Il progetto, che esula dallo studio urbanistico dell’area in cui si inserisce, è rappresentato da un parallelepipedo rettangolare di 31 x 24,7 metri con pianta libera a struttura puntiforme (pilastri a maglia 10 x 10 metri). Terragni “Lavora prettamente sulla sezione, strutturando l’edificio in due volumi uguali: al primo, quello su fronte strada, fa compiere una traslazione verticale sollevandolo su pilotis. Orizzontalmente nella parte centrale fa ‘sormontare’ i due volumi per una profondità di due metri. Nello spazio della sovrapposizione, colloca i sistemi distributivi con una serie di simmetrie e di ribaltamenti, creando un effetto centrifugo da cui sembra prendere origine l’intero edificio; all’ingresso, sotto il volume sollevato su pilotis, si contrappone lo slittamento della copertura; alla scala che risale al primo livello si giustappone un volume emergente” (Ciucci, Triennale di Milano, Centro studi G. Terragni, 452).

Scritto redatto sulla base di:

CIUCCI, Giorgio (a cura di), Giuseppe Terragni: opera completa, (con Triennale di Milano, Centro studi G. Terragni, Centro internazionale di studi di architettura Andrea Palladio), Milano: Electa, 1996
MARCIANÒ, Ada Francesca, Giuseppe Terragni opera completa 1925-1943, Roma: Officina, 1987

Geolocalizzazione

SOSTIENI MAARC

Sostieni i progetti di MADE in MAARC che promuovono, in Italia e all’estero, l’immagine di Como come una delle più importanti capitali dell’architettura moderna.
MADE in MAARC realizza le proprie iniziative grazie al lavoro volontario di soci e amici, e ai contributi e donazioni di chi ne condivide gli obiettivi.
Le donazioni sono essenziali per tutte le attività di promozione, anche a livello internazionale, del patrimonio d’arte astratta e architettura razionalista del territorio comasco MADE in MAARC ha bisogno del tuo aiuto, fai una donazione ora!
Prendi in considerazione anche l’opzione di contribuire mensilmente: aiuterai a sostenere il lavoro di MADE in MAARC per tutto l’anno.

Bonifico Bancario intestato a Associazione culturale MADE in MAARC
22100 Como – Viale Rosselli, 12
C.F.: 03463750137
Iban: IT03 K084 3010 9000 00000 262602
Cassa Rurale e Artigiana di Cantù
Filiale di Como, piazza Grimoldi, 8