MUSEO VIRTUALE ASTRATTISMO E ARCHITETTURA RAZIONALISTA COMO

PROGETTO PER UN CINEMA -TEATRO E PER UN CINEMA DI MASSA

Giuseppe Terragni

Opera

Poco prima di essere richiamato alle armi il 5 settembre del 1939, Terragni elabora il progetto per un cinema – teatro a Cremona, luogo che lo vedrà prestare il secondo servizio militare; non è chiaro se il progetto venne redatto su incarico o come semplice esercizio progettuale (Ciucci, Triennale di Milano, Centro studi G. Terragni, 612; Marcianò, 254).
Terragni riprende i temi affrontati da Gropius nel 1926 per un “teatro totale che trascini lo spettatore dentro l’avvenimento scenico creando un’immensa tastiera di luce e di spazio” (Zevi, 194; Ciucci, Triennale di Milano, Centro studi G. Terragni, 612; Marcianò, 254), da Gaetano Ciocca, ingegnere che scrisse per la rivista Quadrante nel 1933: “La forma del teatro di masse deve quindi avvicinarsi quanto si può alla forma circolare e la scena deve essere portata quanto si può verso il centro del teatro” (Ciucci, Triennale di Milano, Centro studi G. Terragni, 612).
Anche all’interno del progetto per il Palazzo dei Ricevimenti e dei Congressi all’E42 Terragni progetta un teatro – sala congressi a forma di spirale (Marcianò, 254), tema affrontato in diversi progetti.
Per il progetto del cinema – teatro l’impianto è basato su una pianta rettangolare con scena centrale e platee affrontate, simile a quello progettato per il Concorso di II° grado per il Palazzo Littorio a Roma, mentre su un lato lungo della base rettangolare sono disposti tutti i sistemi di risalita alle platee, i servizi, la caffetteria e l’ingresso principale. La copertura segue l’andamento delle platee e ricorda quella progettata per il Palazzo del Littorio del 1937 (Ciucci, Triennale di Milano, Centro studi G. Terragni, 612; Marcianò, 254).

Scritto redatto sulla base di:

CIUCCI, Giorgio (a cura di), Giuseppe Terragni: opera completa, (con Triennale di Milano, Centro studi G. Terragni, Centro internazionale di studi di architettura Andrea Palladio), Milano: Electa, 1996
MARCIANÒ, Ada Francesca, Giuseppe Terragni opera completa 1925-1943, Roma: Officina, 1987
ZEVI, Bruno (a cura di), Giuseppe Terragni, Bologna: Zanichelli, 1980

Geolocalizzazione

SOSTIENI MAARC

Sostieni i progetti di MADE in MAARC che promuovono, in Italia e all’estero, l’immagine di Como come una delle più importanti capitali dell’architettura moderna.
MADE in MAARC realizza le proprie iniziative grazie al lavoro volontario di soci e amici, e ai contributi e donazioni di chi ne condivide gli obiettivi.
Le donazioni sono essenziali per tutte le attività di promozione, anche a livello internazionale, del patrimonio d’arte astratta e architettura razionalista del territorio comasco MADE in MAARC ha bisogno del tuo aiuto, fai una donazione ora!
Prendi in considerazione anche l’opzione di contribuire mensilmente: aiuterai a sostenere il lavoro di MADE in MAARC per tutto l’anno.

Bonifico Bancario intestato a Associazione culturale MADE in MAARC
22100 Como – Viale Rosselli, 12
C.F.: 03463750137
Iban: IT03 K084 3010 9000 00000 262602
Cassa Rurale e Artigiana di Cantù
Filiale di Como, piazza Grimoldi, 8